Google Web Marketing

Proviamo a dare delle definizioni per quanto riguarda Google Panda

0

Una definizione di Authority
A partire dalle linee guida ricavate dalle domande nella discussione di ieri, proviamo a dare una definizione di Authority, aggiungendo altri dati a quelli già forniti. Ci sono molti altri fattori che non verranno presi in considerazione nella formula che proviamo a mettere insieme adesso: l’obiettivo qui non è quello di essere onnicomprensivi ed esaustivi (non sarebbe possibile in poche righe), ma piuttosto di fornire una approssimazione sufficientemente efficace del concetto.
Questa è solo una delle interpretazioni possibili, perché non esiste una definizione precisa di Authority: prendiamo in esame alcune delle caratteristiche (tralasciandone delle altre) e alcune statistiche che ci aiutrno a farci un’idea di come determinate un’Authority site.
Site footprint (Impronta del sito)
Con questo intendiamo il numero delle pagine presenti nell’indice di Google, anche se la questione non è così semplice. Quando si utilizza il comando “site: domain.com” risulta infatti un numero che è superiore a quello che bisogna prendere in esame per fare una corretta valutazione: WordPress ed altri CMS avranno più pagine indicizzate con tag, che gonfiano il valore che davvero ci interessa.
Quello che dobbiamo fare per ottenere il valore reale sul quale basarci è uscire dalla sitemap e poi controllare se le pagine nella mappa del sito sono indicizzate. Quindi, se nella mia sitemap ci sono 117 voci, ma solo 37 sono indicizzate, allora 37 è il numero che ci serve per valutare correttamente l’”impronta” del sito.
Le cose sono comunque ancora più complicate di quello che sembrano, anche perché ogni pagina è diversa dall’altra. Parliamo di alta qualità, di post originali al 100% e che trasmettano autorevolezza ed affidabilità. Questo in genere si intende per post composti da almeno 700 parole (meglio ancora dalle 1000 parole in su). Possiamo osservare e avere la certezza che la lunghezza dei post gioca un ruolo importante nell’assegnare autorevolezza al sito, e, anche se è senz’altro possibile diventare un’Authority site inserendo esclusivamente post della lunghezza di 250 parole, è vero anche che il processo si velocizza notevolmente inserendo post di lunghezze diverse, privilegiando contenuti lunghi e approfonditi, affiancati da un certo numero di post di lunghezza media e breve. C’è anche la questione dell’indice principale di Google contro l’indice supplementare, ecc …
Numero dei link
In molti vi avranno detto che il numero dei collegamenti non conta – che solo quelli di qualità contano davvero. La verità, però, sta ovviamente nel mezzo: non c’è “un vincitore” tra quantità o qualità ed entrambi i fattori hanno la loro importanza. E ‘del tutto improponibile per un sito avere solo link di qualità (oltre ad essere un forte segnale di linkbuilding artificiale). Se si pensa al modo in cui naturalmente si verifica il linkbuilding, è inevitabile che un sito ottenga migliaia di collegamenti di bassa qualità prima di ottenere collegamenti di alta qualità. Facciamo un esempio. Se la CNN sta prendendo in considerazione di collegarsi al tuo sito, è ovvio supporre che migliaia di altri siti(meno significativi della CNN) vi siano già collegati. Perciò il numero totale di link al vostro sito ha sicuramente una certa influenza sulla sua Authority.

You may also like
Google-adwords-logo-1
HomeAdvisor decide di rinnovare con successo il suo marchio grazie a Google AdWords
Disavow-Links
Rifiutare e rimuovere i Link: le regole di Google

Leave Your Comment

Your Name*
Your Webpage

Your Comment*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>