Matt Cutts: meglio citare le fonti

Il capo della Direzione Anti Spam di Google, Matt Cutts, ha recentemente affrontato il delicato tema dei contenuti duplicati del Web.
Matt Cutts afferma che i contenuti duplicati presenti sulla rete sono elevatissimi, pari ad una percentuale del 25-30%. Molto spesso ci sono diverse pagine online che riportano gli stessi contenuti; il concetto, magari rielaborato, è comunque lo stesso. Copiare il contenuto di un testo ha spesso a che vedere con lo spam, a meno che non sia riportato il link della pagina da cui sono state attinte le notizie. Per questo Google, quando si effettua una ricerca, ha in mente di rilevare soltanto una delle pagine, eliminando quelle che riportano il contenuto duplicato. Nella SERP, la pagina dei risultati di una ricerca, sarà visualizzato dall’utente soltanto uno dei contenuti, quello ritenuto più completo; le altre pagine saranno raccolte all’interno del gruppo con a capo la notizia migliore, ma potranno essere naturalmente visualizzate. Ci sarà però un notevole risparmio di tempo, dal momento che in questo modo balzerà al nostro occhio soltanto il contenuto migliore, e non tutti quelli simili.
Per quanto riguarda lo spam, non sarà valutata da Google l’eccessiva copiatura dei testi e dei duplicati eccessivi. Un sito internet,infatti, pur raccogliendo dati presenti nel web, deve apportare dei nuovi contenuti, altrimenti non sarà preso in considerazione dalle ricerca di Google.

Postato il da Chiara Como in Google 1 commento

Risposta Matt Cutts: meglio citare le fonti

  1. Pingback: Google penalizza Anglo Rank e il servizio di vendita Link | Content Marketplace

Aggiungi un commento