Web Marketing

Le discussioni sul SEO che dovrebbero essere abolite

black-hat-seo-or-white-hat-seo
0

Il web è saturo di sterili discussioni sulla SEO. Proprio per la loro quantità e sostanziale inutilità, questi dibattiti dovrebbero cessare di esistere. Gli argomenti sono sempre gli stessi, come anche le tesi portate a favore o sfavore, cambiano solo gli autori. Di seguito, in ordine sparso, troverete i temi più fastidiosi delle discussioni intorno alla SEO.
- Black Hat e White Hat.
I Balck Hat sono coloro che praticano SEO in maniera immorale e, pertanto, sono quelli che maggiormente si lamentano quando Google effettua degli aggiornamenti. Questo perché, nella stragrande maggioranza delle volte, vengono identificati per quello che sono e i siti per i quali effettuano web marketing vengono penalizzati. La discussione si fa ancora più insopportabile quando qualcuno cerca di spiegare il loro comportamento con il fatto che si ritrovano ad avere un calendario molto fitto e di aver messo i clienti a conoscenza dei rischi. Bisognerebbe limitarsi ad ammettere che si è avuto un atteggiamento scorretto e che è giusto essere puniti per questo. Lo scopo del web marketing dovrebbe essere accontentare il potenziale cliente e non posizionarsi in alto nella SERP.
- Page Rank.
Le discussioni per quanto riguarda il “rank” della pagina sono interminabili. Si va dall’utilità o meno di questo servizio, alle domande e risposte sul perché scende o perché sale, fino alla possibilità che sia totalmente morto. No, non è morto. Infatti, è stato aggiornato a sorpresa recentemente.
- Gli aggiornamenti di Google.
Passano appena pochi minuti dall’annuncio di un nuovo aggiornamento, un differente algoritmo di ricerca o qualunque altra novità, che già sul web si ritrova una moltitudine di articoli che parlano di questo. L’analizzano in ogni dettaglio e fanno speculazioni di tutti i tipi su di esso. L’inutilità di questi articoli è palese, infatti spesso gli autori conoscono appena il titolo del nuovo nato in casa Google e non possono avere alcuna idea di quali saranno le conseguenze che porterà.
- AdWords.
Per quanto molti continuano a sostenere il contrario, investire AdWords non porta nessun effetto sui risultati organici.
In definitiva, bisognerebbe capire che il web marketing rende visibile il sito, ma se i contenuti non valgono si è svolto un lavoro inutile.

black-hat-seo-or-white-hat-seo

You may also like
Authority e PageRank per Google Panda
Top brands: strategie social per il 2014

Leave Your Comment

Your Name*
Your Webpage

Your Comment*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>