• I contenuti online

    Valutare, discutere e analizzare i contenuti online per riuscire a capire come aumentare il tempo di permanenza degli utenti, diminuire il bounce rate e migliorare la fidelizzazione degli utenti aumentando il livello di qualità dei contenuti. Content is king.
  •  
  • La qualità dei contenuti

    Migliorare la qualità dei propri contenuti che siano immagini, video o testi porta solamente dei benifici alle properties gestite. Avere una redazione di scrittori e/o giornalisti può avere costi molto elevati ed un'ottima alternativa è quella di appoggiarsi ai content marketplace che sono servizi molto versatili e possono aiutare a tenere i blog e siti sempre aggiornati.
  •  

Subscribe to this blog

Leggi il nostro RSS

Iscriviti alla newsletter

Rispettiamo la tua privacy.

I segnali e i sintomi di Google Panda

Scritto da Stefano On 10 gennaio 2012 nella categoria Google Panda

Un cambiamento così significativo dell’algoritmo, tanto che il 12% delle ricerche risultano colpite, è il sintomo di una modifica sostanziale, che sicuramente è facile riscontrare in diversi aspetti legati alle attività di un sito. I “sintomi” di Panda, infatti, possono essere molteplici.
Quello che vogliamo fare per ora non è fornire una soluzione ai problemi, quanto identificare correttamente i “segnali” di Panda.
Quando si ha a che fare una formula complessa e con molte variabili come l’algoritmo di ricerca di Google, il segnale del cambiamento non sarà uno solo. In realtà, come in qualsiasi foglietto illustrativo di qualsiasi medicinale, gli “effetti collaterali” di Panda sono tantissimi. Cerchiamo di prenderli in considerazione tutti, uno per volta.
1-Significativa diminuzione del traffico(con principali parole chiave in ranking alti)
E’ un aspetto un po’ insolito, ed è in qualche modo legato al tema della limitazione di cui ci occuperemo fra un po’, ma attenzione, perché ha effetti di lunga durata. Ci sono diversi siti che hanno subito significative diminuzioni del traffico – dal 20% al 40% - nonostante le parole chiave monitorate occupassero sempre la stessa posizione nei ranking. In passato abbiamo visto modifiche nell’algoritmo che tendevano a colpire più siti, ma questo tipo di impatto è più direttamente correlato all’Authority dei siti. Quello che si sta verificando è che Google ha declassato l’Authority di alcuni siti, eliminando buona parte della scia di traffico che i siti avevano.
Riflettendoci, Panda si concentra specialmente sulla qualità dei contenuti. Se si parte da questa premessa, allora è logico concludere che se per Google la qualità non è alta come dovrebbe essere, il sito avrà comunque meno traffico di quanto dovrebbe solo basandosi sulla posizione delle parole chiave. La scia di traffico dovuta alle parole chiave è generalmente originata da pagine interne del sito che tendono a fare molto meno linkbuilding.
L’ipotesi più plausibile è che la ragione per cui la classifica delle parole chiave non viene cambiata è che le keywords hanno linkbuilding significativi che le aiutano a mantenere la loro posizione. Il downgrade dell’Authority dell’intero sito, invece, ha un impatto sul traffico perché le parole chiave associate alla scia del traffico sono di meno, dunque per quelle pagine si dà più importanza nell’ottica del ranking ai contenuti rispetto al link.
L’impatto sul traffico è stato generalmente stabile dall’uscita dell’aggiornamento. Una piccola percentuale di questi siti ha recuperato con alcune delle successive modifiche minori all’algoritmo (quelle introdotte subito dopo l’uscita), ma la maggior parte dei siti che hanno mostrato questo comportamento sono rimasti più o meno allo stesso livello di traffico.
PROBABILE CAUSA
Ciò che si delinea con uno scenario del genere è che probabilmente il sito ha un forte linkbuilding legato alle sue keywords principali, che hanno mantenuto la posizione del sito alta nel ranking. Tuttavia, l’Authority dell’ intero sito è stata probabilmente declassata da Google, e di conseguenza il traffico è diminuito, perché i link “naturali” non sono più tanti come prima.

2-Breve o prolungato “bouncing around” nei ranking
Ogni volta che vedi degli “sbalzi” nei ranking è perché Google sta valutando il tuo posizionamento e semplicemente non sa ancora dove collocarti.
Questi “sbalzi” sono abbastanza comuni all’uscita di un nuovo algoritmo, ma ci sono alcuni segnali che dicono che Google questa volta stia davvero facendo alcune valutazioni a lungo termine. Ci sono per esempio alcuni siti che hanno parole chiave specifiche che hanno “ rimbalzato” per quattro o cinque settimane dopo l’aggiornamento.
Si parla di salti da # 3 a # 17, per poi tornare a # 4 un paio di giorni dopo. Poi dopo un paio di giorni li vediamo scendere fino a # 19. Poi di nuovo fino a # 5 e così via… Per la maggior parte dei siti questo comportamento si stabilizza in pochi giorni, ma per alcuni si prolunga anche per parole chiave molto stabili fino a prima del lancio di Panda.
Come già detto, questo fattore è indicativo di alcune alterazioni all’algoritmo piuttosto significative, e di molti ritocchi e aggiustamenti successivi, per un periodo prolungato.
PROBABILE CAUSA
Anche questa volta, è probabilmente un problema di Authority. Google provoca questi sbalzi mentre cerca di valutare esattamente a quale livello appartengano i vari siti. E ‘anche molto importante notare che la nicchia individuale ha molto a che fare con questo. Se ti trovi in ??una nicchia di linkbuilding molto stabile e naturale, magari non hai riscontrato questo comportamento. Tuttavia, se il tuo sito si trova in una nicchia molto più competitiva che ha la reputazione di avere linkbuilding forti, ci si possono aspettare forti sbalzi, poiché questa nicchia è stata sicuramente più colpita dal cambiamento dell’algoritmo.

Aggiungi un commento

  • Comments are being moderated