Google

Google Webmaster Tools: nuovi dati sui backlinks

Backlinks
0

Ancora novità da Google per SEO e webmasters e ancora una volta è la voce di Matt Cutts, Ingegnere della Casa di Mountain View ad annunciarle a margine del suo intervento al SES Conference & Expo, in svolgimento a San Francisco.

Questa volta i cambiamenti riguardano la gestione dei backlink ed in particolare l’indicizzazione e la visualizzazione degli stessi.
Da tempo è possibile utilizzare un gestore di link per vedere tutti i collegamenti associati ad un determinato indirizzo web e da qualche mese è disponibile, nella suite per webmaster, un nuovo tool integrato che consente l’analisi dei backlink, permettendo di visionare e scaricate migliaia di link interni o esterni al proprio sito web.

Il problema che fino ad oggi ha afflitto i SEO di tutto il mondo, consisteva nelle modalità di indicizzazione scelte: pur fornendo circa 100.000 link, infatti, questi erano organizzati in ordine alfabetico, impedendo così ai webmaster di avere un quadro completo dei backlink e creando non pochi problemi, specie a coloro che sono impegnati quotidianamente in operazioni di “pulitura” del proprio sito web al fine di evitare di incorrere nelle penalty di Google.

Partendo dai feedback rilasciati nel tempo dalla community dei fruitori del servizio, Google ha quindi riorganizzato il sistema di rilevazione e campionamento dei links al fine di fornire un’immagine più completa e coerente del profilo di backlink.
Visivamente non ci saranno differenze significative, perché i dati mostrati e prelevabili saranno comunque resi in ordine alfabetico, ma procedendo all’analisi, dovrebbe emergere una composizione tale da rendere meglio lo spettro dei riferimenti ed elevare, ad esempio, la probabilità di ricevere link da siti di primo livello (TLD).
Un’ottima notizia per chi lavora ogni giorno con questi dati, specie considerando che, come ammette tra le righe lo stesso Cutts, la possibilità di vedere e scaricare 100.000 links è in realtà molto limitante, rappresentando questi solo il 10 - 15% del totale dei siti che puntano al nostro sito web.

Il nuovo sistema è operativo da un paio di giorni ed è quindi già possibile scaricare ed analizzare una selezione migliore, trasversale, dei propri backlinks, all’interno della Centrale Webmaster di Google.

You may also like
Segnali di google panda
I “segnali” di Google Panda, seconda puntata
Halloween 2013: improbabile costume per Matt Cutts
1 Comment

Leave Your Comment

Your Name*
Your Webpage

Your Comment*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>