Google

Google Hummingbird, il nuovo algoritmo di ricerca

google-hummingbird
0

In occasione del suo 15° anno d’età, il 26 settembre 2013 Google ha indetto una conferenza stampa durante la quale ha presentato il suo nuovo algoritmo di ricerca: Hummingbird. Tradotto in italiano significa Colibrì, questo sta ad indicare le sue caratteristiche che del volatile emulano rapidità e precisione. Mentre il layout della pagina Google in questi anni non ha subito particolari cambiamenti, gli algoritmi di ricerca si aggiornano con più o meno costanza, Hummingbird va a sostituire - infatti - Caffeine messo a punto nel 2010. Mentre per l’introduzione del precedente algoritmo si era scelto di dare un preavviso di circa un anno, Hummingbird era già attivo da circa un mese quando è stato annunciato, è partito orientativamente verso la fine d’agosto. Nella pratica, questo nuovo algoritmo si propone di fornire dati sempre più specifici e precisi a domande sempre più lunghe e complesse.
Il sostanziale cambiamento si riscontra nel fatto che Hummingbird non si limita a prendere ed indicizzare le informazioni, come i precedenti search algorithms, ma punta anche ad ordinarle nel miglior modo possibile. Si basa su un semplice principio: prende in esame tutte le componenti della query (ossia della ricerca che poniamo al motore) in modo da rispondere con pagine che rispecchino l’intero significato della query. Questo era già possibile dal 2012 grazie alle Knowledge Graph, letteralmente grafico di conoscenza, che si basa sull’associazione tra parola chiesta e l’oggetto corrispondente. Hummingbird, basandosi su questi grafici, punta a migliorare l’interazione tra questi oggetti in a fornire, di conseguenza, la risposta migliore, più utile e pertinente, nel minor tempo possibile.

Si tratta, quindi, di un tipo di ricerca semantica, basato su un linguaggio reale, che nasce da un bisogno reso sempre più crescente dall’uso della ricerca vocale con smartphone e tablet. Apparentemente si è portati a temere che questo metodo vada in conflitto con l’impostazione di tipo SEO delle pagine, che si basa essenzialmente sull’uso di parole chiave. Questo però non è vero ed è dimostrato anche dal fatto che i siti che fanno uso di questa tecnica non si sono accorti che Hummingbird era già in funzione da un mese in quanto non hanno registrato nessun calo nelle visite. Perciò, se una pagina è originale e di qualità continuerà ad avere un posto alto nelle ricerche.

You may also like
Ottobre 2013: YouTube Insights
6 maggiori cambiamenti annunciati da Google per il SEO del 2014

Leave Your Comment

Your Name*
Your Webpage

Your Comment*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>