Article Marketing In Evidenza Web Marketing

Capitolo 2: Contenuto e fattori che influiscono sul posizionamento

content-is-king
0

Una frase che sentirai tantissime volte è ‘Content is king’. Cioe’ la qualità del contenuto è veramente la cosa più importante per il successo sui motori di ricerca. Infatti la “tavola periodica degli elementi SEO” di cui abbiamo precedentemente parlato inizia con gli ‘elementi’ di contenuto, il primo dei quali è l’elemento che indica la qualità del contenuto stesso. Se gestisci bene il tuo contenuto, hai già creato la base per agevolare il successo di tutti gli altri elementi.

Cq Content Quality/ Qualità del contenuto  

Più di ogni altra cosa, ti devi fare la domanda, fornisci contenuto di alta qualità? Se stai vendendo un prodotto, fornisci delle informazioni che vanno oltre quelle che si possono trovare su qualsiasi altro sito?Dai una ragione agli utenti di restare più di qualche secondo sulle tue pagine web? Offri qualcosa in più agli utenti del tuo sito, qualcosa di unico, diverso e utile che non troveranno da nessun’altra parte?

Queste sono alcune delle domande che dovresti farti per capire se stai fornendo un contenuto di alta qualità.
Le risposte affermative sono il caposaldo sul quale dipendono tutti gli altri fattori.

Cr Content Research/ Ricerca contenuto o ricerca di parole chiavi

Forse la tattica più importante del SEO dopo aver creato contenuto di qualità è quella di ricercare le parole chiavi.
Ci sono degli strumenti che ti permottono facilmente e gratis di scoprire i modi in cui la gente cerca il tuo contenuto suggerendoti le parole chiavi sul quale poi creare ulteriori articoli.

Per esempio, un pagina su “come evitare il Melanoma” magari usa dei termini medici molto specifici; utilizzando, per esempio strumenti come google keywords e altri tools, potresti, prima di creare determinati contenuti, scoprire che parole chiave gli utenti utilizzano per effettuare questo ripo di ricerche specifiche, aumentando le tue possibilità di essere suggerito all’interno dei differenti motori di ricerca.

Creare contenuto che si rivolge a quello che sta cercando la gente, utilizzando lo stesso linguaggio utilizzato dall’utente è essenziale

Qui sotto un link a searchengineland che evidenzia alcuni strumenti da utilizzare:

http://searchengineland.com/library/search-marketing/search-marketing-search-term-research

Cw Content Words/ L’uso delle parole chiavi

La verità è che, se vuoi che si trovi la tua pagina con certe parole, è una buona idea semplicemente usarle nel tuo contenuto.

Quanto?
Non c’è un numero preciso di ripetizioni che devi raggiungere e nemmeno una percentuale standard di “densità delle parole chiavi” da raggiungere o non sorpassare.

Noi suggeriamo di usare il buonsenso.
Pensa alle parole per cui vuoi che conducano alla pagina, e usale usale naturalmente senza danneggiar ela qualità dell’ articolo, tuttalpiù crea più articoli su argomenti con parole chiavi in comune.
un piccolo trucco:
Se di solito cominci ad usare pronomi in rifermento ad un nome, dopo un po’ usa il nome ogni tanto al posto del pronome.

Ce: Content Engagement / l’interesse degli utenti

Se hai scritto contenuti di qualità, ci sarà interesse da parte degli utenti. Per determinare quest’interesse, i motori ricerca possono cercare di misurarlo in alcuni modi.

Per esempio, Può essere un segno che il contenuto non suscita interesse se un utente ha fatto una ricerca, trovato la pagina, cliccato sopra ma poi se è uscito subito dalla pagina stessa per poi cercare qualcos’altro.
(Quest’è una cosa che i motori di ricerca riescono a misurare.)

Quanto tempo stanno restando gli utenti sul tuo sito in confronto ad altri siti con contenuto simile? Il fattore del tempo passato sul sito’ è una cosa che i motori di ricerca riescono a misurare, a volte tramite le toolbar che offrono Google e Bing.

La funzione “mi piace” di Facebook e altri siti social, è un altro modo di misurare l’interesse degli utenti, approfondiremo  quest’argomento nei prossimi capitoli

I motori di ricerca sono riluttanti nell’ ammettere di usare particolari algoritmi per misurare l’interesse degli utenti,e ancora più riluttanti ad ammettere quali usano casomai.

Cf Content Freshness/ Freschezza del contenuto

Google ha quello che intitola “Query Deserved Freshness” cioè un livello di ‘freschezza’ basato sul volume di richieste. Vuol dire che nel caso in cui c’è una ricerca che improvvisamente diventa molto comune, Google cercherà contenuto nuovo sull’argomento e gli darà una spinta sul posizionamento.

Se hai il contenuto giusto quando Google usa QDF, puoi essere nei primi risultati per qualche settimana. Stai attento però che dopo la tua pagina può scomparire completamente.
Suggerimento è creare ogni giorno contenuti nuovi seguendo le osservazioni e le informazioni di cui ti abbiamo parlato, sappiamo che è un lavoro complicato, ma necessario per il raggiungimento di ottimi risultati

(Trattato liberamente da searchengineland )

You may also like
Design Thinking, cos’è?
link-building-for-blogs
“Il Link Building non è morto”

Leave Your Comment

Your Name*
Your Webpage

Your Comment*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>